Incontri

Oggi è stata una giornata diversa dalle altre per un paio di episodi.
Innanzitutto manca poco a rivedere il sole, da casa si vede che è dietro le colline di fronte ma ancora non è abbastanza alto per fare capolino. Da zone più "esterne" e alte comunque è stato avvistato!
Le particolarità della giornata si sono concentrate nel ritorno dall'asilo. Infatti uscendo ho adocchiato una mamma con un marsupio e ho colto la scusa per chiacchierare. Ci avevo già chiacchierato un'altra volta ed è stato piacevole! Ed appena usciti dall'asilo ci siamo trovate di fronte una bella aurora boreale! Non era super intensa ma molto lunga, un striscia verde che attraversava il cielo. Anche Mattia Leone l'ha riconosciuta e indicata! La cosa che mi stupisce sempre è come capiti di vederla per caso, senza preavviso ti trovi davanti a questo spettacolo della natura. A me davvero cambia la giornata e mette di buon umore.
Una volta arrivati a casa, a 10 metri dalla porta, abbiamo poi visto la vicina, una signora anziana che va sempre in giro con il girello, sopratutto la si vede la sera dopo le 22. Ci eravamo  sempre chiesti dove andasse a quell'ora ma sempre senza una risposta convincente. Appena mi ha visto mi ha salutato ed io le sono andata incontro. Stava spalando la neve davanti alle sue scale. Mi ha chiesto quanto anni avessero i bambini e quando le ho detto che capivo e parlavo norvegese, seppur poco,  le si sono illuminati gli occhi ed ha iniziato a parlare a raffica. Così mi sono trovata ad ascoltare un mezzo monologo in norvegese di una signora probabilmente quasi ottantenne in mezzo a 15 cm di neve con raffiche di vento che te la sparavano tutta in faccia, con ML in passeggino e Sara in fascia. Credo di aver capito meno della metà di quello che ha detto, mi ha parlato dei suoi figli, uno insegnante di musica, della difficoltà di vivere in questo clima, dei suoi problemi di salute (non mangia frutta tranne banana e ananas perché ha problemi di stomaco) e poi non so. Credo mi abbia anche chiesto dei miei genitori ma non ne sono sicura! Io le ho detto che se a volte vuole un passaggio invece di andare sempre a piedi noi glielo diamo volentieri :)
Ho pensato che per avere tutto questo bisogno di parlare forse si sente molto sola... ed a 20 metri ci sono io, spesso sola e con altrettanta voglia di chiacchierare. Vorrei conoscere meglio il norvegese per poterle parlare e colmare un po' le nostre solitudini

Commenti

Post popolari in questo blog

Buon compleanno Hammerfest

I bambini del Finnmark

Santa Lucia (e i lussekatter)